Autorità Portuale verso una svolta “green”

Autorità Portuale verso una svolta “green”

L’Autorità portuale di Messina ha orientato la propria programmazione verso una svolta green per ridurre l’impatto ambientale delle attività marittime e portuali sulle città e sul territorio circostante i porti di competenza.

Dopo aver già realizzato l’illuminazione a led delle aree portuali e aver attivato studi sulla fattibilità di depositi di LNG, l’AP di Messina e Milazzo si è orientata verso l’elettrificazione delle banchine.

In data 20 giugno u.s. il Commissario Straordinario De Simone ed il Segretario Generale Gentile hanno incontrato E-Distribuzione, che ha illustrato le proprie competenze in merito al cold-ironing e gli esiti di un progetto sviluppato in altro contesto portuale nazionale.

Il Comitato Portuale, debitamente informato nella seduta del 2 luglio u.s., si è espresso favorevolmente sulla proposta di un incontro fra E-Distribuzione, la Capitaneria, gli armatori e l’Autorità portuale stessa per verificare la fattibilità di un progetto di elettrificazione delle banchine dei porti di Milazzo e Messina.

Stamattina si è svolto il sopralluogo congiunto nei porti di Messina e Milazzo per valutare la realizzabilità del progetto di cold-ironing calibrato sulle esigenze dei due scali.

“Le nuove tecnologie, e fra queste il cold-ironing che stiamo appunto avviando in questi giorni, ci permetteranno di contemperare le necessarie esigenze di operatività dei porti e delle attività economiche presenti, con il loro impatto occupazionale importante, e il rispetto dell’ambiente” dichiara il Commissario Straordinario De Simone. Che poi aggiunge: “Per realizzare il progetto abbiamo attivato una proficua collaborazione anche con le compagnie di navigazione, che ci hanno comunicato il fabbisogno energetico in base al quale E-Distribuzione dovrà dimensionare lo studio dell’impianto di fornitura elettrica”.

Il porto di Messina sarà interessato dal progetto di cold-ironing nelle banchine e nei moli in cui approdano unità navali compatibili con questa tipologia di alimentazione, e cioè la Rizzo, la Colapesce, Norimberga e il porto di Tremestieri. Inoltre, è prevista l’installazione di colonnine per l’alimentazione delle autovetture elettriche.

Nel porto di Milazzo il servizio interesserà tutte le banchine, da quelle che ospitano le imbarcazioni dei servizi tecnico-nautici, ai mezzi navali e i traghetti che svolgono il servizio di collegamento con le Isole Eolie fino le navi mercantili.

redazione