Borgo dei borghi 2018: Castroreale parteciperà per la Sicilia

Autenticità, genuinità e semplicità sono quei valori da riscoprire e, per farlo, a volte, basta solo immergersi per qualche giorno, o anche solo per qualche ora, in quei luoghi in cui, ancora, queste qualità si respirano nell’aria, si leggono negli occhi e nei gesti della gente e si vedono in quella bellezza non artefatta del territorio.

Quei luoghi sono i borghi che costellano l’Italia e la Sicilia; e proprio la Sicilia ha avuto numerosi riconoscimenti per il fascino suggestivo dei suoi borghi. Tra questi, c’è Castroreale (ME) che, a buon ragione già uno dei Borghi più belli d’Italia, è stato scelto da RAI 3 – Trasmissione “Kilimangiaro” per rappresentare la nostra Sicilia al concorso “Il borgo dei borghi 2018”.

La Torre di Federico II d’Aragona, le tracce delle antiche comunità ebraiche, il Duomo e la sua Meridiana e le numerose Chiese acquistano un valore aggiunto nella descrizione che ne fa il professore Paolo Faranda che non mancherà, inoltre, di farvi volgere lo sguardo al cielo attraverso il planetario digitale “Andromeda”; ed ancora, il Piccolo Museo della Moto, dedicato al motociclismo d’epoca ed unico nel Sud Italia, dove, il direttore Enrico Munafò, dopo avervi accolto con un buon caffè ed i tipici “Biscotti della badessa”, vi farà percorrere, sulle due ruote, un pezzo di storia, di arte e di costume.

Chi non conosce Castroreale potrà farsene un’idea a partire dal 23 aprile prossimo giacché, il borgo, è stato scelto per la realizzazione di una serie di puntate sulla video letteratura, tratte da alcune novelle di Luigi Pirandello, prodotte dalla Kamel Film e che andranno in onda in prima serata su Rai5; chi, invece, ha già visitato il borgo, oltre a potersi inorgoglire con la classica frase “Io ci sono stato”, avrà l’occasione di vedere gli interni di alcune abitazioni private, altra testimonianza della ricchezza storica di questo borgo orgogliosamente siciliano e messinese.

Giovanna Croce