Filarmonica Laudamo: giovedì PANNONICA JAZZ WORKSHOP

Filarmonica Laudamo: giovedì PANNONICA JAZZ WORKSHOP

Giovedì 20 febbraio alle ore 19, con replica alle ore 21, presso la Sala Laudamo, nuovo imperdibile appuntamento per Accordiacorde, rassegna del giovedì della Filarmonica Laudamo realizzata in collaborazione con E.A.R. Teatro di Messina.

Protagonista il PANNONICA JAZZ WORKSHOP formazione/laboratorio che collabora con la Filarmonica Laudamo da alcune stagioni, proponendo ogni anno un nuovo progetto.
Quest’anno, in occasione del 20º anniversario dalla fondazione del laboratorio, verrà proposto “Works 2015-2020”, selezione dei lavori degli ultimi intensi cinque anni, sulle musiche di Leonard Bernstein, Fred Hersch, Billy Strayhorn, Thelonious Monk e Earl Zindars.

L’ensemble diretto dal pianista Luciano Troja, che ha curato anche gli arrangiamenti, vede la partecipazione speciale della cantante americana Helene Zindarsian e del chitarrista Giancarlo Mazzù, quindi Antonino Cicero fagotto, Giuseppe Corpina clarinetto, Giovanni Randazzo sax tenore e soprano, Maria Merlino sax alto e baritono, Erika La Fauci pianoforte, Deborah Ferraro arpa, Sergio Silipigni chitarra, Nuccio Perrotta contrabbasso, Domenico Mazza basso elettrico, Filippo Bonaccorso batteria, Federico Saccà batteria.

Il PANNONICA WORKSHOP, opera a Messina da 20 anni, fondato e coordinato da Filippo Bonaccorso e Luciano Troja. La caratteristica dell’ensemble è quella di fare convivere musicisti di estrazione classica e jazzisti, mantenendo tutti la propria identità musicale.
Il concerto di giovedì celebrerà i 20 anni dalla fondazione di una realtà musicale indipendente e sorprendente, che ha visto operare sin dai primi anni dalla costituzione nomi del calibro di Kenny Wheeler e Salvatore Bonafede, ma che anche è parte integrante del progetto di perfezionamento della Filarmonica Laudamo Creative Orchestra, con Richie Beirach, Fred Hersch, Marc Copland, e quindi Karl Berger, Ingrid Sertso, l’ Instant Composers Pool, Blaise Siwula, R.J. Iacovone, oltre la soprano Helene Zindarsian, che ormai fa parte dell’organico da tre stagioni.
«Works 2015-2020» è una selezione tratta dal percorso ideato e diretto da Luciano Troja, e coordinato insieme a Filippo Bonaccorso, realizzato nell’arco di un quinquennio, dedicato ad alcuni grandi compositori americani in bilico fra classica e jazz.
Nel 2015 il progetto su Billy Strayhorn – per il quale la Filarmonica Laudamo è stata inserita nel Centennial Comittee della Billy Strayhorn Foundation di New York – seguito nel 2016 da quello su Fred Hersch, perfezionatosi anche attraverso un laboratorio con il grande pianista-compositore americano, e quello su Earl Zindars nel 2017, autore fra classica e jazz che ha sancito la collaborazione dell’ensemble con la soprano Helene Zindarsian, figlia del compositore, per proseguire quindi nel 2019 il progetto legato a Leonard Bernstein e ai suoi due musical “West Side Story” e “On The Town”.

Prossimo concerto in stagione per la Filarmonica Laudamo, domenica 1 marzo 2020 alle ore 18, al Palacultura Antonello, con ANNA LIISA-ELLER, in uno straordinario appuntamento per scoprire il suono magico del kannel, lo strumento nazionale dell’Estonia, attraverso una delle sue più grandi interpreti, in un suggestivo programma di musiche dal 1600 ai giorni nostri.


redazione