Pronti 75.000 euro per la digitalizzazione delle imprese grazie a un bando lanciato dalla Camera di Commercio

Pronti 75.000 euro per la digitalizzazione delle imprese grazie a un bando lanciato dalla Camera di Commercio

Pronti 75.000,00 euro per la digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese del territorio messinese. E’ stato presentato al Palazzo camerale il nuovo bando nazionale per i voucher 4.0 lanciato dalle Camere di commercio per fornire un aiuto concreto alle aziende che intendono agganciare la quarta rivoluzione industriale. Per ciascuna impresa saranno messe a disposizione risorse fino a 10mila euro di valore che potranno essere utilizzate dagli imprenditori per acquistare servizi di consulenza, formazione e tecnologie in ambito 4.0.
«Il digitale, grazie alle nuove possibilità di sviluppo che offre alle imprese, è la chiave per evolversi – afferma il presidente della Camera di commercio, Ivo Blandina – per diventare sempre più competitivi e in grado di emergere sui mercati nazionali e internazionali».
Le aziende avranno tempo fino al 15 luglio per richiedere l’erogazione del voucher. Potranno beneficiare delle agevolazioni le singole micro, piccole e medie imprese e i gruppi da 3 a 20 imprese che presenteranno un progetto condiviso finalizzato all’introduzione delle tecnologie digitali abilitanti. «Tramite i voucher, gli Enti camerali intendono supportare concretamente nel percorso della digitalizzazione le imprese – prosegue il segretario generale, Alfio Pagliaro – soprattutto quelle di dimensioni più piccole che hanno maggiori difficoltà a reperire le necessarie risorse da destinare all’innovazione».
Rispetto alle scorse edizioni, quest’anno i voucher potranno essere investiti non più solo in formazione e consulenza, ma anche per l’acquisto di nuove tecnologie, macchinari e software 4.0 da inserire in azienda fino a un massimo del 50% delle spese ammissibili.
L’importanza dell’iniziativa, che rientra tra le attività avviate dalla Camera di commercio nell’ambito del progetto “Pid- Punto impresa digitale”, è stata sottolineata dal funzionario camerale Agata Denaro, che ha illustrato il bando: «Il digitale è un fattore trainante e di stimolo dei cambiamenti già in atto nelle imprese, nel business e nelle pubbliche amministrazioni e, di conseguenza, nei mestieri e nelle professioni praticate e nascenti».
Le domande devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, entro e non oltre le ore 21 del 15 luglio 2019.
Per informazioni, www.me.camcom.it; pidcciaa@me.camcom.it

redazione