A S. Agata Militello Il Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi con Paolo Borrometi, Giuseppe Antoci e il Procuratore Emanuele Crescenti

  1. Agata Militello, 9 maggio 2018 – Si svolgerà giorno 18 c.m., presso il Palasport di Sant’Agata Militello la consueta “Giornata della Legalità”. L’evento, organizzato dal Liceo “Sciascia-Fermi”, diretto dalla Dirigente, prof.ssa Larissa Bollaci, vedrà la partecipazione degli oltre 1200 alunni dell’Istituto. Seguirà, domenica 20 c.m., la tappa della Legalità, che partirà da Sant’Agata Militello e si concluderà nel luogo in cui è stato compiuto l’attentato mafioso che ha colpito il Presidente Giuseppe Antoci e gli uomini della sua scorta proprio il 18 maggio del 2016.

Venerdì 18 sarà la Dirigente Larissa Bollaci ad aprire i lavori al Palasport; previsti i saluti del Sindaco di S. Agata Militello, dott. Carmelo Sottile; del Questore di Messina, dott. Mario Finocchiaro e del Delegato Pastorale della Diocesi di Patti, Don Antonio Mancuso.

 

Interverranno: il giornalista antimafia Paolo Borrometi, nei confronti del quale un mese fa é stato sventato un attentato dinamitardo; il Procuratore della Repubblica di Barcellona, dott. Emanuele Crescenti, magistrato da sempre impegnato nella lotta alle mafie; il dott. Giuseppe Antoci, noto per aver creato e fatto diventare legge dello stato uno degli strumenti più incisivi per il sequestro e la confisca dei beni provenienti da truffe ai danni dei fondi europei.

 

Sarà letto un messaggio di vicinanza e saluto da parte della Prof.ssa Maria Falcone, presidente dell’omonima Fondazione, che da anni si dedica al mondo dei giovani e della scuola, tenendo vivi la testimonianza e l’esempio del fratello.

 

La conclusione dei lavori sarà affidata al Prefetto di Messina, S.E. Maria Carmela Librizzi, che parlerà agli studenti e alle autorità presenti in platea.

 

Sono felicissima di poter condividere con i miei ragazzi questa edificante e nobile esperienza. Ringrazio di cuore S.E. il Prefetto di Messina, dott.ssa Maria Carmela Librizzi e tutti i relatori che hanno accettato l’invito – dichiara la Dirigente Scolastica del Liceo Sciascia-Fermi, che conclude affermando: L’educazione alla Legalità e gli esempi di persone impegnate nella lotta alla criminalità e alla mafia, possono generare nelle coscienze di ognuno di noi e dei ragazzi quei sentimenti necessari per avere un Paese migliore e più giusto.