Il SI-COBAS il 12 gennaio a Licata col NO-TRIV contro l’estrazione dei combustibili fossili

Il 12 gennaio alle 10.30, con partenza da piazza Attilio Regolo, il SI-COBAS sarà a Licata per difendere la libertà delle comunità nell’autodeterminarsi e per supportare il NO TRIV-

“Siamo sempre dalla parte dei lavoratori – scrive SI COBAS in una nota – ed è per questo che abbiamo sempre dubitato di chi, attraverso l’atavica necessità di lavoro nel meridione d’Italia, cerca di ricattare interi territori paventando un’idea di sviluppo distorta ed insostenibile.

Chi sostiene che l’estrazione di combustibili fossili porti sviluppo, racconta solo metà della storia, lo sviluppo è per il solo fatturato delle aziende coinvolte nell’affare, tutti i rischi ecologici, e sociali sono a carico della collettività. L’adagio di massimizzare i profitti e socializzare debiti e rischi è quello che ci stanno spacciando per sviluppo da quasi trent’anni, ovvero da quando è cominciata la stagione della svendita di pezzi di territorio e servizi prima statali.

Lo sviluppo e il progresso di cui sono portatrici le piattaforme di trivellazione, fa il paio con perdita di posti di lavoro in termini di attività ittiche (già di per sé martoriata dalle pessime condizioni dei nostri mari) e perdita di attrattiva per il turismo balneare, il tutto causato dalla sola presenza dei campi di trivellazione.

Lo sfruttamento a senso unico dei nostri territori continua imperterrito nonostante le alternanze di governi, siano essi azzurro-verdi, rosé, giallo-verdi ecc. Le popolazioni locali devono poter decidere da sé cosa è meglio per loro, dovrebbero poter stabilire il percorso che porti i loro territori verso un futuro sostenibile e prospero, non verso la distruzione per salvare i dividendi di qualche potentato degli idrocarburi.

Per difendere la libertà delle comunità nell’autodeterminarsi il SI-COBAS sarà a Licata per supportare il legittimo NO TRIV, insieme al territorio siciliano contro l’ennesima prepotenza da parte di aziende senza scrupoli”.